Da La Repubblica del 08/10/2004

Superbollo per le auto inquinanti

E Lunardi rilancia le targhe alterne per frenare il caro-petrolio

"Così incentivi per l´acquisto di nuove macchine"
Matteoli: probabile un decreto per varare l´eco-tassa
Manovra anti-smog del ministero dell´Ambiente

di Antonio Cianciullo

ROMA - Superbollo per le auto superinquinanti. L´annuncio del correttivo fiscale che colpirà le macchine ad alto impatto ambientale è arrivato ieri, contemporaneamente alla proposta delle targhe alterne che il ministro dei Trasporti Pietro Lunardi ha rilanciato da Lussemburgo. «Visto che il prezzo del barile non tende a calare», ha dichiarato Lunardi, «abbiamo proposto delle misure per contrastare questo fenomeno. Le targhe alterne andrebbero decise esclusivamente nelle situazioni di emergenza e soprattutto nei centri urbani».

Ma mentre la lotteria delle targhe alterne, più volte sperimentata con scarso successo, non seleziona i veicoli in base alla loro efficienza e all´impatto ambientale, il superbollo interviene in maniera selettiva, correggendo il mercato in direzione dell´innovazione tecnologica. Ogni auto sarà chiamata a rendere conto delle proprie emissioni di anidride carbonica, cioè del principale gas serra che minaccia la stabilità del clima. Alla sbarra degli imputati finiranno tutte le macchine che consumano molto e che hanno sistemi inefficienti di abbattimento delle emissioni.

Il modello studiato al ministero dell´Ambiente è quello proposto a Parigi. Nel piano del governo Raffarin si prevede che le macchine che emettono meno di 140 grammi di anidride carbonica a chilometro (circa un terzo del venduto) ricevano un bonus: fino a 700 euro di sconto. Quelle che emettono più di 180 grammi di anidride carbonica (il 17 per cento) subiranno un aumento compreso tra i 400 e i 3.200 euro. Per le macchine con un tasso d´inquinamento medio il costo resta invariato.

«In Italia applicheremo questo sistema con alcune modifiche», spiega il ministro dell´Ambiente Altero Matteoli. «Il nostro parco auto è molto più vecchio di quello francese: una tassa secca sui veicoli più inquinanti penalizzerebbe le fasce più povere, i proprietari delle vecchie auto. Io penso a un correttivo di questo tipo: destinare una parte dei fondi ricavati dal superbollo a incentivi a disposizione dei proprietari di un´auto con più di dieci anni che decidono di acquistarne una nuova. Del resto in Germania da molti anni le auto con più di dieci anni non possono circolare».

I tempi della manovra anti smog restano però incerti. Per renderla rapidamente operativa andrebbe inserita in un collegato della Fiannziaria, ma Matteoli dubita di farcela: è più probabile un decreto da presentare al Consiglio dei ministri nel giro di qualche settimana.

«L´apertura sulle ecotasse è positiva», commenta Ermete Realacci, il presidente onorario della Legambiente che ha lanciato la campagna anti Suv. «Ma l´inquinamento è sotto gli occhi di tutti, la situazione delle città è arrivata a un livello di rischio sanitario tale da non consentire più alcun rinvio. Occorre agire subito creando un deterrente economico sufficiente a invertire il trend che sta portando i centri urbani più belli del mondo a riempirsi di ciminiere a quattro ruote». A rendere urgente il provvedimento è anche il ritardo sul fronte del protocollo di Kyoto contro i gas serra: l´Italia continua ad aumentare le sue emissioni invece di ridurle come promesso.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Dal primo marzo sanzioni per le industrie non in regola sulle emissioni di anidride carbonica. Polemici Verdi, Margherita e Ds
Ambiente, sì del Senato al decreto Kyoto anche in Italia arriva la Borsa dei gas serra
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 29/12/2004
Il ministro sotto accusa alla conferenza di Buenos Aires, le nostre emissioni aumentate di oltre il 9 per cento
Gas serra, l´Italia sceglie Bush
Matteoli: dopo Kyoto niente vincoli, solo accordi fra stati
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 15/12/2004
Gli scienziati: tra le cause, effetto serra e oscillazioni naturali
Alluvioni, caldo e scirocco
«È come se Milano fosse a Palermo e la Sicilia in Africa»

News in archivio

Ambiente: australiani pronti a pagare per ridurre l'effetto serra
Una stragrande maggioranza di elettori conservatori chiedono che l'Australia firmi il protocollo di Kyoto
su ITNews del 08/11/2006
I dati dell'Organizzazione meteorologica mondiale
Ambiente: gas serra record, Protocollo di Kyoto inutile
L'anidride carbonica ha raggiunto nel 2005 le 379,1 parti per milione, con un incremento dello 0,5% in un solo anno
su Corriere della Sera del 03/11/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0