Da Corriere della Sera del 30/09/2004

ISLAM

L’occasione dei moderati

di Magdi Allam

C’è qualcosa di nuovo nella realtà dei Paesi e delle comunità islamiche nel mondo. Affiora una percezione più lucida e obiettiva della minaccia del terrorismo. Cresce la consapevolezza della necessità di collaborare con l’Occidente per sconfiggere un nemico comune. E si prefigura una possibile ricomposizione di un quadro internazionale frantumato e contrapposto a causa della guerra in Iraq. La ricomposizione del quadro internazionale farebbe perdere terreno al rischio di una guerra di religione e di civiltà su cui scommette invece il terrorismo islamico.

Oggi è più che mai evidente che nel mondo islamico questo terrorismo si è assai screditato dopo aver infranto ogni regola e tutti i tabù con la barbara esecuzione di un pacifista militante come Enzo Baldoni, l’orrendo massacro di dodici poveri vigilantes nepalesi, la decapitazione di decine di lavoratori musulmani turchi, egiziani e iracheni. Oggi i musulmani stanno finalmente cominciando a prendere coscienza che non ci si può rallegrare dell’eccidio di americani e occidentali. Perché sono gli stessi terroristi che infieriscono sia contro i propri correligionari sia contro cittadini di Paesi «amici dell’Islam» che esaltano la «resistenza» irachena, come è il caso della Francia.

In realtà, siamo noi che siamo cambiati mentre questo terrorismo ha semplicemente aggiornato la sua tattica per perseguire lo stesso obiettivo strategico: la conquista del potere nei Paesi musulmani dopo aver costretto l’Occidente ad abbandonare il campo. Siamo noi che ci illudevamo che potesse esistere un terrorismo buono e uno cattivo, delle vittime lecite e altre intoccabili. Questo cambiamento è tangibile nel maggior uso della definizione «terroristi» che riecheggia in taluni ambienti politici italiani dove fino a tre settimane fa si sentiva parlare solo di «resistenti». Così come è palpabile negli accorati appelli dei familiari dei lavoratori egiziani che, esibendo in televisione un look islamicamente irreprensibile, si sono domandati a viva voce come sia possibile che dei terroristi possano sequestrare e infierire su dei pii musulmani nel nome dello stesso Dio.

Ebbene, questa ribellione contro i tagliagole di Al Qaeda che si fa strada tra la gente comincia a influenzare la politica dei governi musulmani. La voce più coraggiosa è quella del re giordano Abdallah che, proprio in un’intervista al Corriere , ha esclamato: «Dobbiamo lottare contro gli estremisti, ovunque si nascondano, con i fatti e i comportamenti. Il problema è che la maggioranza silenziosa è sempre in difesa. Oggi bisogna agire».

I sintomi del nuovo corso nella lotta al terrorismo è evidente anche nella fattiva collaborazione della Siria, i cui servizi segreti hanno dato una mano importante per sventare il tentativo di attaccare con un’autobomba l’ambasciata d’Italia a Beirut. Così come è significativo il fatto che l’Egitto abbia dato la sua disponibilità a ospitare una conferenza internazionale sull’Iraq, un appuntamento cruciale che potrebbe far uscire gli Stati Uniti dal vicolo cieco e sancire un impegno comune nella lotta al terrorismo. Infine, sono parte integrante di questo nuovo quadro la riabilitazione del regime di Gheddafi e la revoca dell’embargo alla Libia, nonché l’apertura dell’Unione Europea alla Turchia in vista della sua adesione.

Basta confrontare la gestione, l’esito e le conseguenze del sequestro dei nostri quattro vigilantes (Quattrocchi, Agliana, Stefio e Cupertino) e quello delle due Simone, per renderci conto di come sia significativamente cambiato il contesto interno e internazionale. La rissosità e le accuse hanno lasciato il posto alla collaborazione e all’intesa. Una concordia che ha coinvolto anche le comunità musulmane italiane e i Paesi musulmani amici dell’Italia. C’è stato un generale salto di qualità sul piano della corretta percezione della minaccia e dell’adozione degli strumenti idonei per contrastarla. Al di là delle polemiche che non mancheranno, l’Italia sembra più matura e il mondo, compresi i musulmani, è più partecipe alla comune lotta contro il terrorismo.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Radiografia dell´Islam
A colloquio con Gilles Kepel
di Fabio Gambaro su La Repubblica del 04/10/2004
Leggi e democrazia per affrontare i fondamentalisti
La via della tolleranza
di Michele Ainis su La Stampa del 30/09/2004

News in archivio

Il ministro dell'Interno chiarisce che dovrà essere accettata da "tutti coloro che vorranno vivere stabilmente in Italia"
Islam: "La Carta dei valori non è soltanto per i musulmani"
Critiche all'Ucoii: "Mai detto che l'avremmo firmata oggi"
su La Repubblica del 03/10/2006
Non si placa l'indignazione per la citazione di Ratzinger contro Maometto. Il parlamento pakistano approva una mozione, convocato il nunzio apostolico
Cattolicesimo-islam: paesi musulmani contro Benedetto XVI "Papa ignorante, ritiri le frasi sull'Isla
Ma il neo-ministro degli Esteri della Santa Sede, Dominique Mamberti getta acqua sul fuoco: "Il dialogo con le grandi civiltà è una priorità"
su La Repubblica del 15/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0