Da Wired News del 15/09/2004
Originale su http://www.wired.com/news/technology/0,1282,64952,00.html

Se aumenta il caldo, sarà sempre peggio

di Stephen Leahy

L'URAGANO IVAN è una delle tempeste più violente abbattutesi sull'Atlantico di recente. Ma secondo gli esperti di clima, in futuro il ripetersi di eventi del genere avverrà molto più di frequente, in virtù del fenomeno del riscaldamento globale. «Il riscaldamento globale sta creando condizioni particolarmente favorevoli allo sviluppo di uragani che diventeranno via via sempre più potenti», spiega Kevin Trenberth, capo della sezione Analisi climatiche del National Center for Atmospheric Research di Boulder, in Colorado. Sebbene pochi esperti del settore ammettano apertamente la cosa, è indiscutibile che attualmente la Terra trattiene più energia solare che in passato. Le emissioni di gas come l'anidride carbonica creano un ulteriore filtro che impedisce al calore di disperdersi nel cosmo. L'energia extra prodotta da tale "effetto serra" ha già generato un aumento di circa un grado della temperatura del pianeta, stando a quanto affermato nella relazione del 2001 dell'Intergovernmental Panel on Climate Change. Il rapporto si basa su osservazioni e studi di oltre 2500 scienziati di circa cento paesi.


COME NASCE UN URAGANO

Per formarsi, gli uragani hanno bisogno di acqua calda, e gli oceani si stanno surriscaldando, fenomeno dimostrato dal fatto che il livello globale dei mari si è alzato negli ultimi dieci anni di oltre tre centimetri, continua Trenberth. L'aumentare del caldo, infatti, è il principale responsabile dell'innalzamento delle acque del pianeta, in virtù della cosiddetta espansione termica, lo stesso processo per cui una pentola d'acqua messa a riscaldare su un fornello finisce per traboccare. Il surriscaldamento degli oceani non procede in maniera uniforme - il nord Pacifico e il nord Atlantico nello stesso decennio si sono mantenuti più freschi - ma il medio Atlantico e le acque caraibiche, dove di solito si generano gli uragani, hanno visto un considerevole aumento delle temperature e, quel che è più importante, una concentrazione significativamente maggiore di vapore acqueo nell'aria.

Il vapore acqueo e l'umidità dell'aria sono il combustibile privilegiato degli uragani. Per riuscire a produrre abbastanza vapore acqueo da formare un uragano un oceano deve raggiungere minimo una temperatura di 27 gradi. La ricerca del team di Trenberth ha stabilito che i livelli di vapore acqueo nella zona degli uragani oggi sono in media il 15 per cento superiore a quelli di 20 o 30 anni fa. Quali saranno le conseguenze? Forse più tempeste di categorie 4 o 5? «È una conclusione logica, sebbene per certi versi controversa», commenta Trenberth. Prima di investire Cuba, Ivan era un categoria 5 della scala Saffir-Simpson, che classifica gli uragani con valori compresi tra l'uno e il cinque a seconda della velocità dei venti e del potenziale distruttivo. Nei categoria 5 il vento soffia costantemente a oltre 300 chilometri orari. All'epoca Ivan aveva raggiunto i 400, affermandosi come sesto uragano più potente mai registrato nel bacino Atlantico.


IMPOSSIBILE FARE PREVISIONI

Per formarsi gli uragani hanno bisogno di condizioni idonee: acqua calda e alta concentrazione di vapore sono solo due degli ingredienti irrinunciabili, precisa David Battisti, esperto di scienze atmosferiche alla University of Washington. Ma il riscaldamento globale sta significativamente incrementando le possibilità di uragani e cicloni più violenti e più intensi. Dove si verificheranno tali eventi, prosegue Battisti, è difficile da prevedere. Le zone tradizionalmente interessate dagli uragani potrebbero non vedere nessun cambiamento, mentre paesi che non ne sono stati mai colpiti potrebbero esserlo in futuro. Lo scorso marzo il Brasile è stato colpito dal primo uragano nella storia del sud Atlantico, e alla fine del 2003 la costa atlantica del Canada è stata investita dalla tempesta del secolo, l'uragano Juan. Potrebbe trattarsi di una coincidenza, ma il governo canadese sospetta invece che tutto dipenda dal riscaldamento globale, e teme per il futuro.

«Quel che è certo, la Terra sta trattenendo più energia e tutta quest'energia dev'essere dispersa in qualche modo», spiega Battisti. Altro elemento per gran parte trascurato nell'attenzione focalizzata prevalentemente sugli uragani è poi il numero record di tornado abbattutisi quest'anno sugli Stati Uniti. La National Oceanographic and Atmospheric Administration ad agosto ne ha registrati 173, 47 in più del primato precedente, stabilito nel 1979. Quest'anno anche l'Iowa ha toccato un record per numero di tornado, arrivando a quota 110 (negli ultimi 30 anni la media era sempre stata di appena 45). Per quanto riguarda inoltre i temporali, «esistono numerose prove del loro aumento di intensità e frequenza negli Stati Uniti», spiega Trenberth. Il mutamento di condizioni atmosferiche e degli oceani, legato al riscaldamento globale, rende anche meno utile il riferimento a cicli e pattern climatici passati nell'elaborazione di previsioni per il futuro, conclude Battisti. «Fra 50 anni, il contesto sarà così diverso da oggi che tali cicli risulteranno assolutamente stravolti».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Sono molti gli animali che mutano le loro abitudini per via delle trasformazioni dell'habitat. Scienziati Usa hanno decretato l'inizio della sesta estinzione sulla Terra, la prima provocata dall'uomo
Attenti alla rana: è la spia che il clima cambia
Il suo organismo vittima dell'effetto serra. Alcune specie di anfibi a rischio estinzione
di Antonio Cianciullo su La Repubblica del 09/10/2006
I medici parlano solo sotto anonimato: «L'isola è in ginocchio»
Cuba in lotta contro l'epidemia top secret
Avviata una massiccia campagna contro il dengue. L'Oms: «C'è giunta la voce di oltre mille morti, ma non sappiamo altro»
di Alessandra Farkas su Corriere della Sera del 04/10/2006

News in archivio

Ambiente: australiani pronti a pagare per ridurre l'effetto serra
Una stragrande maggioranza di elettori conservatori chiedono che l'Australia firmi il protocollo di Kyoto
su ITNews del 08/11/2006
I dati dell'Organizzazione meteorologica mondiale
Ambiente: gas serra record, Protocollo di Kyoto inutile
L'anidride carbonica ha raggiunto nel 2005 le 379,1 parti per milione, con un incremento dello 0,5% in un solo anno
su Corriere della Sera del 03/11/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0