Da La Repubblica del 20/09/2004

Parla Peter Schneider, scrittore e voce critica della sinistra

"A Est la democrazia non ha messo radici"

Sono stati viziati dall´assistenzialismo comunista, ora vogliono troppo dal welfare dell´ovest

di Andrea Tarquini

BERLINO - Peter Schneider, una delle massime voci critiche della sinistra riformista, è allarmato. Che succede in Germania est?
«E´ un giorno molto brutto per la Germania, e per l´Europa. La democrazia nell´ex Ddr non ha messo solide radici, anzi appare più debole. Per la Germania ovest non mi preoccupo, ma se guardo all´est mi inquieto per la democrazia. I partiti estremisti, a sinistra Pds e a destra Npd e Dvu, si rafforzano, confondendo la loro protesta con quella reazionaria dei sindacati contro le riforme del welfare. E´ un´alleanza non santa, certo non per difendere la democrazia».

Perché all´est?
«All´Ovest il successo della democrazia ha anche avuto a che fare col successo economico. L´est dopo Hitler ha avuto un´altra dittatura molto più durevole sebbene non così brutale, e poi con la democrazia non sono venuti grandi successi economici».

Altrove la democrazia resta solida anche in tempi di crisi economica. Ha ragione Enzensberger quando dice che i tedeschi sono facili al malumore e ciò li spinge a ritenere la democrazia un fastidio?
«Purtroppo buonumore e malumore sono elementi costitutivi della psicologia politica collettiva. I tedeschi fanno presto a cadere nel panico. Non hanno riserve. E´ pericoloso. All´Ovest la democrazia è solida, ma è pericoloso che tanti tedeschi mostrino col voto di non sapere in quale sistema si identificano».

Quanto deve allarmarsi il resto del mondo?
«La Germania è in buona compagnia per spinte estremiste: pensi a Bossi, o al diffuso antisemitismo in Europa. Queste tendenze in Europa si aiutano e si rafforzano a vicenda».

Perché l´Est è così pur passandosela molto meglio di polacchi o cechi?
«Forse un grande fratello che ti aiuta è anche un handicap. In Polonia o Ungheria tutti sanno di stare sulla stessa barca. Gli orientali sono stati viziati dall´assistenzialismo comunista, ora vogliono troppo dal welfare dell´ovest. Non conosco nessun´altra regione del mondo industriale dove si produce solo metà di quanto si consuma».

Troppa poca cultura borghese, illuminista, democratica?
«Colpa anche dell´intelligentsia della Ddr. Christa Wolf, Heiner Mueller, eccetera, a differenza che gli Havel, i Geremek, gli altri dissidenti del blocco sovietico, non sono mai riusciti a liberare la società dai miti bugiardi egalitari e iper-assistenziali del socialismo, a dire alla gente che o è socialismo o è libertà».

La Germania rischia la nascita di un partito d´ultradestra nazionale?
«Credo di sì, temo che la Npd ce la possa fare. Altrove in Europa è normalità, io fino a ieri speravo che la Germania si potesse risparmiare questo triste volto della normalità europea».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Quindici anni fa l’unificazione tedesca
La politica è ferma al muro di Berlino
di Carlo Bastasin su La Stampa del 15/11/2004
Dopo il voto nei Länder dell’Est
Gli industriali tedeschi «Postcomunisti rischiosi più dei neonazisti»
Per Rogowski, leader della Bdi, gli investitori temono le «coalizioni rosse»
di Marika de Feo su Corriere della Sera del 25/09/2004
Governo preoccupato dopo il voto regionale per l´avanzata dei nostalgici e la crescita dello scontento sociale
Neonazi, l´allarme di Schroeder
L´estrema destra: "Ora un grande partito nazionale"
di Andrea Tarquini su La Repubblica del 21/09/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0