Da La Repubblica del 20/09/2004

Regionali in Sassonia e Brandeburgo

Germania a est avanzano i neonazisti

Crollo Cdu, tiene la Spd ascesa dei postcomunisti

di Andrea Tarquini

BERLINO - DUE spettri s´aggirano nel cuore dell´Europa, gli spettri del neonazismo e del neocomunismo stalinista. Quasi 15 anni dopo la caduta del "Muro della vergogna", i gruppi dell´ultradestra xenofoba, antioccidentale e antisemita e gli orfani della dittatura della Ddr escono vincitori delle regionali in Germania est. Nostalgici delle "due H", di Hitler e di Honecker, vincono con slogan simili: no a tagli e riforme al welfare, no all´euro e alla Nato, no all´Europa delle frontiere aperte. Gli opposti estremismi pesano come una macchia sporca sull´immagine internazionale della democrazia tedesca.

La Germania che il 9 novembre celebrerà l´anniversario dell´inizio della riunificazione appare infelice, instabile, inquieta. Una Germania dove all´Est molti, troppi cittadini oggi non s´identificano nei valori costitutivi della democrazia, un gigante malato incapace di tornare motore e leader dell´Europa.

L´ascesa dei neonazisti è fortissima nella Sassonia che pure all´Est è il Land più ricco. Il decollo neocomunista investe il Brandeburgo, cioè la regione che formava l´antica Prussia insieme alla capitale. Lo schiaffo ai partiti dell´arco costituzionale sarà un boomerang economico: gli investitori internazionali, spaventati dagli estremismi, preferiranno Polonia, Repubblica ceca, Ungheria, Slovacchia e Slovenia. La protesta contro le riforme e i tagli con cui il cancelliere Schroeder vuole ristrutturare il welfare tedesco per renderlo finanziabile, e la rabbia dei tedeschi dell´Est contro fallimenti e ritardi della riunificazione, diventano un impetuoso vento di jacquerie. Un vento che colpisce la Cdu non meno della socialdemocrazia. La relativa tenuta spd è anzi l´unico dato confortante.

I risultati sono drammatici. Nella prospera Sassonia, bastione democristiano dall´alba della democrazia, la Cdu al potere col premier Georg Milbradt subisce un´emorragia di consensi, precipitando dal 56 al 42,7%. I neonazisti della Npd volano al 9,4, e tallonano da vicino la Spd quale terzo partito. Seconda forza politica i neocomunisti della Pds, al 23,5% nonostante che il loro leader regionale, Peter Porsch, sia accusato d´essere un ex agente della Stasi, la famigerata Gestapo rossa della Ddr.

In Brandeburgo, la Spd del giovane premier Matthias Platzeck perde voti ma riesce a restare primo partito col 32,1%. Crolla invece la Cdu, alleata di Platzeck in una Grande coalizione regionale a Potsdam, precipitando al 19,4%. I neocomunisti sono il secondo partito, con un 28,9 che è il loro massimo storico assoluto in un´elezione libera. I neonazisti rappresentati qui dalla Dvu crescono al 5,9.

«È il rischio di declino dei partiti storici della nostra democrazia», commentavano ieri sera le due reti tv pubbliche nazionali, Ard e Zdf. «Dobbiamo preoccuparci», ha detto il leader del centrodestra, Angela Merkel. E in un segnale d´allarme ieri sera i rappresentanti dei partiti democratici hanno abbandonato un dibattito tv sul voto, quando è entrato il rappresentante neonazista. Ma Schroeder sembra non avere scelta: solo sperando che le riforme rilancino l´economia potrà scommettere sulle elezioni politiche federali tra due anni. I neonazisti della Npd esultano. «E´ un trionfo grandioso delle forze nazionali», bofonchia sudato il leader sassone Holger Apfel. «Abbiamo vinto nonostante l´odio dei media». Hanno vinto con slogan contro le riforme di Schroeder quasi uguali a quelli della Pds. E a loro volta i neocomunisti che hanno ereditato palazzi e miliardi da Honecker hanno chiesto un voto contro la socialdemocrazia, non contro l´ultradestra. Come fu per il Pc tedesco nella Repubblica di Weimar è la Spd, non la reazione, il loro primo nemico.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Quindici anni fa l’unificazione tedesca
La politica è ferma al muro di Berlino
di Carlo Bastasin su La Stampa del 15/11/2004
Dopo il voto nei Länder dell’Est
Gli industriali tedeschi «Postcomunisti rischiosi più dei neonazisti»
Per Rogowski, leader della Bdi, gli investitori temono le «coalizioni rosse»
di Marika de Feo su Corriere della Sera del 25/09/2004
Governo preoccupato dopo il voto regionale per l´avanzata dei nostalgici e la crescita dello scontento sociale
Neonazi, l´allarme di Schroeder
L´estrema destra: "Ora un grande partito nazionale"
di Andrea Tarquini su La Repubblica del 21/09/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0