Da La Repubblica del 15/09/2004

Il Parlamento approva il nuovo codice penale: ascoltate le richieste Ue in vista della decisione sull´allargamento

La Turchia non punirà l´adulterio

Marcia indietro del governo dopo le proteste europee

Ergastolo per i crimini d´onore, un anno per i test di verginità

di Marco Ansaldo

La Turchia non punirà l´adulterio, come invece voleva fare il partito islamico moderato attualmente al governo. Sorpresa dalle crescenti proteste (anche di piazza) della sua società civile, spaventata dalle conseguenze che il provvedimento avrebbe causato in Europa in vista della prossima decisione sull´eventuale ingresso nella Ue, Ankara ieri ha definitivamente accantonato il controverso disegno di legge che mirava a considerare l´adulterio come un reato penale.

Una riunione a porte chiuse tra i due leader di governo e opposizione, che ha anticipato un dibattito fiume in Parlamento, ha eliminato la proposta avanzata dal Partito di giustizia e sviluppo del premier Recep Tayyip Erdogan. Il vicepremier turco Abdullah Gul e il presidente del Partito repubblicano, Deniz Baykal, hanno così confermato che un accordo bipartisan è stato raggiunto tra i rispettivi partiti sulle riforme da apportare al codice penale. «L´intesa prevede - ha spiegato Baykal, il cui partito nei giorni scorsi aveva espresso un fermo ?no´ all´iniziativa promossa dalla formazione al potere - che nessun progetto di riforma penale che non rechi la firma di entrambi i gruppi sia portato al voto dell´assemblea».

È evidente l´imbarazzo del partito di Erdogan, che ha dovuto fare un passo indietro per non farsi travolgere dalle critiche alla vigilia dell´importante decisione comunitaria sul destino europeo della Turchia. Nel tentativo di compiacere la parte più tradizionalista del suo elettorato, Giustizia e sviluppo sosteneva di voler difendere la penalizzazione dell´adulterio come un passo in difesa dei diritti della famiglia e soprattutto della donna. L´adulterio era considerato un crimine in Turchia fino al 1996 per gli uomini e al ?98 per le donne, e il partito conservatore intendeva ora ripristinarne la punibilità.

Ma in varie città, tra cui Ankara e Istanbul, sono stati subito organizzati cortei da associazioni per la difesa delle donne, dalla società civile e dalla Turchia laica. A smuovere concretamente le acque sono state tuttavia le critiche provenienti da alcune capitali europee e da Bruxelles, tra cui quelle del commissario all´Allargamento, Guenter Verheugen, un turcoscettico ultimamente divenuto un convinto fautore dell´ingresso di Ankara nell´Unione.

Sono circa dieci mesi che il Parlamento turco sta dibattendo le nuove leggi, nel tentativo di riformare il suo codice penale e adempiere ai passi richiesti dall´Europa. La riforma è ampia, e tocca ben 346 articoli su 384 di un codice risalente al 1926, ispiratosi a quello dell´Italia fascista. Tra le misure più evidenti quella che punisce con l´ergastolo i "crimini d´onore" , una pratica ancora in uso in alcune zone del paese, in cui l´onore della famiglia di una donna considerata sessualmente compromessa veniva ristabilito da un parente con l´uccisione della donna stessa. O la punizione con un anno di carcere per il cosiddetto "test della verginità", imposto a volte dai padri o dai presidi delle scuole per controllare la "moralità" delle ragazze.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

"Convinceremo tutti gli scettici la Turchia diventerà europea"
L´ottimismo di Erdogan: negoziati già nel 2005
di Marco Ansaldo su La Repubblica del 08/10/2004
Diventa realtà la profezia del padre della patria Ataturk. Il ministro degli Esteri Gul: "Una giornata storica"
Istanbul festeggia il via libera. Erdogan: il primo scoglio è superato
Disappunto dal premier solo per l´intenzione di alcuni paesi di indire referendum
di Marco Ansaldo su La Repubblica del 07/10/2004

News in archivio

Gli ordigni sono state lanciati in un locale del centro. Il capo della polizia: "L'attacco non è di natura politica"
Turchia: attentato a Smirne, granate contro un bar
su La Repubblica del 02/10/2006
Nucleare: scoperto un traffico di tecnologia fra Turchia ed Iran
Lo “scoop” di un giornale turco dopo un rapporto di Ankara. Nell’import-export coinvolte anche ditte di Paesi occidentali, quali gli Stati Uniti e l’Italia
su Gazzetta del Mezzogiorno del 26/05/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0