Da Corriere della Sera del 14/09/2004

GLI ALTRI OSTAGGI

La Brigata dell’orrore sequestra 2 australiani «Via le vostre truppe»

di Lorenzo Cremonesi

BAGDAD - Si allarga a macchia d'olio la strategia dei rapimenti in Iraq. Ormai si colpisce dovunque.

Dopo Falluja, Bagdad, la zona di Mahmudia e di Latifiya, ieri due australiani e due non meglio identificati «cittadini est asiatici» sono stati catturati mentre viaggiavano dalla capitale verso Mosul, nel nord. E il video dell'esecuzione di un camionista turco rafforza la paura per la sorte delle vittime.

La notizia del nuovo rapimento è arrivato ieri pomeriggio da un comunicato diffuso dalla «Brigata dell’orrore», una delle tante sigle riconducibili al gruppo che si fa chiamare «Esercito segreto islamico», e pone un ultimatum di 24 ore al governo di Canberra per ritirare i suoi 800 soldati dall'Iraq. Il luogo dove è stato diffuso il messaggio, appeso sui muri della case, è la città di Samarra, un'altra delle province che sin da luglio è quasi completamente sfuggita al controllo del governo di Yiad Allawi e dove gli stessi americani ammettono di non riuscire a imporre l'ordine.

Vi si precisa che i quattro ostaggi sono guardie del corpo «che lavorano per importanti personalità» e sono caduti in un'imboscata mentre si trovavano su due veicoli militari americani lungo l’autostrada tra Bagdad e Mosul. I rapitori pretendono che il premier australiano John Howard annunci personalmente il ritiro delle truppe.

«Noi diciamo agli infedeli in Australia che hanno 24 ore di tempo per lasciare l'Iraq, altrimenti i due australiani saranno uccisi senza alcuna possibilità di scampo», minacciano ancora gli appartenenti alla Brigata. Ma ancora ieri notte Canberra non confermava: «Tutti gli 88 australiani registrati presso la nostra ambasciata a Bagdad sono stati rintracciati» ha detto un portavoce del ministero degli Esteri annunciando ulteriori indagini.

Agghiaccianti le immagini dell'ennesima decapitazione, sembra eseguita dal gruppo di Abu Musab al Zarqawi, Al Tawhid wa Al Jihad , legato a Al Qaeda. «Il mio nome è Durmus Kumdereli. Sono di Tarsus (nella Turchia meridionale). Faccio il camionista. Ho trasportato componenti di macchinari e materiale da costruzione dalla Turchia per una base americana vicino a Tikrit», ha detto l'ostaggio prima di essere gettato a terra da tre uomini, uno dei quali gli taglia la gola con un coltello. Il video risale al 17 agosto, tre giorni dopo il rapimento del camionista e di un altro turco, che venne poi liberato.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Le immagini dell´ingegnere in catene trasmesse da Al Jazeera. Nel messaggio accuse al premier, che replica dopo poche ore
Una gabbia per l´ostaggio inglese
L´appello di Bigley. Blair: «Se i rapitori ci contattano, rispondiamo»
di Enrico Franceschini su La Repubblica del 30/09/2004
Secondo le fonti del giornale kuwaitiano Al Rai Al Aam la trattativa non è sul ritiro delle truppe
La telefonata da Bagdad "Libere entro venerdì"
di Carlo Bonini su La Repubblica del 28/09/2004

News in archivio

Gli ordigni sono state lanciati in un locale del centro. Il capo della polizia: "L'attacco non è di natura politica"
Turchia: attentato a Smirne, granate contro un bar
su La Repubblica del 02/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0