Da Corriere della Sera del 13/06/2004

Problemi di sicurezza e mancanza di fondi costringono la commissione a spostare il voto di settembre

Kabul rinvia ancora le prime elezioni post-talebani

Offensiva degli americani, uccisi ottanta estremisti

di Ennio Caretto

WASHINGTON - La guerra dimenticata in Afghanistan costringe i marines americani a scatenare un'offensiva di tre settimane contro una roccaforte talebana, offensiva che fa ottanta morti, e costringe la commissione elettorale a rinviare per la seconda volta le elezioni, fissate prima a giugno poi a settembre. Per il presidente Bush, che punta sulla democratizzazione dell'Afghanistan e dell'Iraq in tempi brevi - a Bagdad si dovrebbe votare il prossimo gennaio - è un successo militare ma una sconfitta politica. Per Bush, si aggrava il rischio che l'America vada alle urne il 2 novembre senza che, a quasi due anni dalla guerra, gli afghani possano dare la sperata prova di democrazia, e con gli iracheni ancora nel caos. L'offensiva contro i talebani si è svolta nella regione meridionale di Zabul, dove si combattè già un anno fa. Appoggiati dai cacciabombardieri, oltre 2 mila marines di base a Uruzgan, la città del mullah Omar, hanno attaccato la roccaforte di Daychopan, infliggendo forti perdite al nemico senza subirne alcuna.

Il colonnello Tucker Manager ha dichiarato che «il comportamento delle truppe è stato straordinario». Attualmente, l'America ha 20 mila uomini in Afghanistan, un record. I marines, giunti di rinforzo mesi fa, hanno il compito di stanare i talebani per consentire all'esercito di ricostruire i villaggi della zona e di stringere buoni rapporti con la popolazione. Dall'inizio di maggio sono però morti 7 soldati americani e decine di soldati afghani, e dall'inizio dell'anno il nemico ha fatto 450 vittime tra militari e civili.

Il rinvio del voto, ha dichiarato Guthai Khawrai, il portavoce della Commissione elettorale mista (il governo di Kabul e l'Onu), è dovuto a tre fattori. Il ritardo con cui il presidente Karzai ha firmato il decreto: la firma è avvenuta il 5 giugno e la legge stabilisce che le elezioni si tengano almeno 120 giorni dopo. La mancanza di fondi: i Paesi donatori non hanno versato i previsti 70 milioni di dollari e al governo mancano gli altri 31 milioni necessari. La mancanza di sicurezza: su oltre 9 milioni di elettori se ne sono registrati solo 3 milioni e mezzo, di cui più di un milione donne. Al più presto, la chiamata alle urne avrà luogo il 5 ottobre, ma è dubbio che la data venga rispettata. I partiti in lista sono 21, tra cui l'Alleanza del Nord, su cui l'America fece perno al principio della guerra, e quello comunista.

Un incidente ha sottolineato le difficoltà a cui va incontro Hamid Karzai, che i giorni scorsi ha partecipato al G8 e alle esequie del presidente Ronald Reagan. Nella provincia settentrionale di Sari Pul, il governatore da lui designato, Abdul Haq Shafeq, è stato accolto a sassate, e si è ritirato con la scorta di 100 poliziotti a Mazar-i-Sharif, la principale città della regione. Un signore della guerra, il generale uzbeko Abdul Rashid Dostun, formalmente consigliere di Karzai, ha spiegato che la popolazione è contraria al governo di Kabul. In realtà Dostun ha un suo candidato a governatore e come altri signori della guerra non vuole cedere il controllo del suo territorio. L'Onu e il comando americano stanno cercando di mediare.

Secondo il Pentagono, le elezioni afghane potranno avere ugualmente luogo prima di quelle americane. Ma il Pentagono ammette di avere bisogno di un exploit clamoroso, come la cattura del mullah Omar, tuttora latitante - nessuno parla di quella di Bin Laden - per evitare che la situazione torni a peggiorare.

Sullo stesso argomento

 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0