Da La Stampa del 03/06/2004
Originale su http://www.lastampa.it/_web/_INTERNET/copyfight/archivio/copyfight0406...

Decreto Urbani: forse i guai sono finiti

Il ministro Stanca presenta un nuovo disegno legge per correggere i punti critici del decreto voluto dal ministero dei Beni Culturali.
Sollievo per gli appassionati di file mp3

di Stefano Porro

Che il decreto Urbani fosse sbagliato e contenesse delle gravi limitazioni alla libertà di parola e di azione dei cittadini, alla fine, l'hanno ammesso tutti. Persino lo stesso ministro, anche se sottovoce.

Lo dimostra un disegno di legge correttivo presentato dal Governo (tramite il ministero dell'Innovazione Tecnologica) che annulla di fatto le sanzioni penali previste per l'uso personale di file protetti scaricati dalla rete. Ma non è tutto: il nuovo testo cancella il bollino che sarebbe dovuto essere imposto a tutta la rete, così come le tasse e i balzelli che avrebbero messo in difficoltà l'Ict in Italia.

Esultano gli utenti della rete, che hanno messo a ferro e fuoco alcuni giorni fa il sito del ministero dei Beni Culturali tramite un net-strike (uno sciopero virtuale) e protestano invece le major del software e della musica. Enzo Mazza, presidente della Federazione dell'Industria Musicale Italiana, se la prende con l'operato di certi politici, che agirebbero condizionati dal clima elettorale: "C'è chi pensa di regalare musica gratis dalla rete per fini elettorali - afferma Mazza - ma purtroppo ci sono trattati internazionali da rispettare e il download per uso personale non esiste. Reato era e reato rimarrà".

Proprio qui sta il nocciolo della vicenda. Da tempo l'industria culturale (in primis quella che produce musica e filmati audio/video) conduce una strenua battaglia per fermare la condivisione illegale di file attraverso la rete. Un'attività proibita dalle normative sul diritto d'autore, che negli ultimi anni ha conosciuto restrizioni sempre più rigorose, sia a livello nazionale che comunitario. Tuttavia, l'operato quotidiano dei tribunali italiani tende a sconfessare i proclami di guerra delle major, depenalizzando la violazione del copyright.

Tutte le volte in cui un cittadino è stato colto in flagrante nell'atto di scaricare dei file per uso personale (e senza fine di lucro), l'orientamento dei giudici è quasi sempre assolutorio. O, nel peggiore dei casi, al colpevole" è stata comminata una sanzione amministrativa. Altro che carcere. Gli stessi giudici sembrano prendere atto che la pratica del file sharing è talmente diffusa da non poter più essere penalizzata, pena la creazione di tensione sociale.

Ben venga dunque questo disegno di legge riparatorio, che riporta la funzione del copyright all'interno dei giusti binari giuridici. Non si tratta, come hanno scritto alcuni, di una vittoria del popolo della rete - che, bisogna ammetterlo, negli ultimi mesi ha aumentato notevolmente la sua rappresentanza politica, pur mantenendo la sua matrice pluralistica - né di una sonora sconfitta delle major. Non ci sono, in altre parole, vincitori e sconfitti.

L'unica dato positivo è che Governo e Parlamento si sono finalmente resi conto che la regolamentazione coatta della rete è un traguardo non raggiungibile, perché è la rete stessa a sfuggire, per sua natura, a normative rigide e applicate dall'alto. Forse, anche per la rete, è arrivato il momento di pensare alla concertazione come alla formula per elaborare regole giuste, applicabili e condivise da tutti.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Il provvedimento punisce lo scambio di file in rete
Rivolta sul web: no alla legge Urbani
di Michela Tamburrino su La Stampa del 26/05/2004
di Anna Masera su La Stampa del 18/05/2004
La parola alla lobby della musica
«Noi siamo favorevoli, anche se non era necessaria»
di Anna Masera su La Stampa del 18/05/2004

News in archivio

Belgio: Google news condannato
Ribaltata la sentenza in primo grado
su APCom del 22/09/2006
Aids: Roche condivide il suo sapere con l'Africa
Il gigante farmaceutico svizzero Roche trasferisce a tre compagnie africane i mezzi di fabbricare localmente un farmaco generico contro l'AIDS. Altre imprese seguiranno.
su SwissInfo del 22/09/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0