Da Corriere della Sera del 05/05/2004

Ecco gli scienziati d’Oriente che fanno tremare l’America

In Cina 750 mila ricercatori: un numero decuplicato in soli vent’anni L’India produce i migliori software del mondo e ora punta sulle nanotecnologie

di Giovanni Caprara

Il mondo della ricerca americana teme il sorpasso da parte dell’Europa ma soprattutto dei Paesi asiatici, Cina e India in testa. L’allarme lanciato dalla National science foundation è legato all’indebolimento interno in alcuni settori, ma in particolare alla vivace crescita scientifica e tecnologica dimostrata da nazioni «in via di sviluppo». Il segnale più forte è arrivato con l’invio in orbita del primo taikonauta cinese Yang Liwei nell’ottobre del 2003, segno inequivocabile dello sviluppo raggiunto in aree come la scienza dei materiali, l’elettronica, l’informatica. Dopo le distruzioni provocate dalla rivoluzione culturale e dal governo della «banda dei quattro», Pechino ha costruito un mondo scientifico che ora sostiene l’impetuoso sviluppo economico. La ricerca è una priorità nazionale e ad essa sono dedicati 63 miliardi di dollari, che pongono la Cina al terzo posto negli investimenti nel settore alle spalle di Usa e Giappone.

Negli ultimi vent’anni il numero degli scienziati è cresciuto dieci volte: oggi sono 750 mila e con un’età molto bassa. Solo l’Accademia delle scienze cinese, spina dorsale del sistema, e diretta dall’ingegnere Lu Yongxian, governa un esercito di 60 mila scienziati impegnati nella ricerca di base e tecnologica. Il permesso, poi, alle multinazionali di installare nel Paese laboratori ha consentito di finanziare con denaro straniero la formazione di «cervelli», come Lu Ke dell’Istituto di ricerca dei metalli di Shenyang, provincia di Liaoping, leader negli studi di nuovi materiali conduttori; o come Chih-chen Wang, dell’Istituto di biofisica di Pechino, di fama per le ricerche sulle proteine.

Anche l’India ha trasformato la ricerca in priorità sostenuta in prima persona dal presidente Abdul Kalam, che prima di essere eletto nel 2002 fu «fondatore» delle attività spaziali indiane. Adesso l’India dispone di vettori spaziali concorrenti di americani, cinesi e russi nel trasporto dei satelliti civili. Ma l’India, culla di matematici, è anche il Paese che esprime i migliori softwaristi del mondo, ed è in grado di produrre supercomputer con potenze di elaborazione analoghe a quelle americane. E’ grazie a questi strumenti che New Delhi ha potuto varare le «Aree di ricerca ad alta priorità» che riguardano nanotecnologie, neuroscienze, ricerca climatica. Fra i nomi illustri, il professor Rao, presidente del Nehru Centre for advanced scientific research di Bangalore, esperto di chimica dei fullereni; o il professor Mashelkar, direttore del Council scientific and industrial research di New Delhi, famoso per le ricerche sui polimeri. Con queste capacità Cina e India stanno ridisegnando la scena, inquietando prima di tutto gli Usa.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Scienza e innovazione L’America teme il sorpasso
Più laureati e premi Nobel: la sfida di Europa, Giappone e Cina
di Giovanni Caprara su Corriere della Sera del 04/05/2004
Il robot è spinto da un motore a ioni, un italiano responsabile della missione
Luna, arriva la prima sonda europea
di Giovanni Caprara su Corriere della Sera del 14/11/2004
Cambiano le abitudini sessuali
Cina, a letto ritorna la libertà
di Francesco Sisci su La Stampa del 12/11/2004
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2020
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0