Da La Repubblica del 03/05/2004

Pressato dalla congiuntura sfavorevole e dalle scadenze elettorali Schroeder rinuncia all´austerità

La Germania dà l´addio al rigore nessun taglio alla spesa pubblica

di Andrea Tarquini

BERLINO - La Germania rossoverde dà l´ultimo addio al rigore nella spesa pubblica. Messo con le spalle al muro dalla congiuntura debole, dall´alta disoccupazione e dalla raffica di scadenze elettorali, il governo Schroeder ha deciso di rinunciare a ogni annuncio di nuovo taglio a Welfare e conti. Lo rivelano l´influente settimanale Der Spiegel e Bild am Sonntag, edizione domenicale del quotidiano più letto del paese, che hanno appreso di una riunione segreta svoltasi a tarda sera alla Cancelleria, la settimana scorsa. La scelta tedesca, se le indiscrezioni sono veritiere, sarà un colpo al cuore per il Patto di stabilità.

«Non possiamo permetterci né una sequela di disfatte elettorali quest´anno, alle europee e nelle 12 consultazioni regionali e locali, né di perdere le politiche del 2006», dice un ministro citato da Bild. Congiuntura debole, entrate fiscali deludenti, disoccupazione alta, pesano oltre ogni previsione. Il ministro delle Finanze, Hans Eichel, ha fornito al consulto un quadro apocalittico. Il disavanzo di quest´anno, stimato in 29,3 miliardi di euro, eccederà questa cifra di quasi 18 miliardi. Non molto meglio andrà nel 2005: Eichel aveva previsto un deficit di 21 miliardi, le nuove previsioni parlano di 15 miliardi in più.

Teoricamente la Germania dovrebbe sentirsi obbligata a un nuovo Sparpaket, a un pacchetto di tagli e misure d´austerità. Ma la prospettiva di perdere le elezioni quest´anno e di tornare all´opposizione dopo le politiche del settembre 2006 spaventa i rossoverdi più di un confronto con Bruxelles sul Patto. Il governo, afferma Der Spiegel, è deciso a non annunciare più tagli al Welfare né aumenti fiscali, per incoraggiare consumi e investimenti. E vuole varare spese per miliardi per istruzione e alte tecnologie. Mentre salgono le chances delle richieste dei ministeri di Trasporti e Difesa, per più soldi a favore delle linee ad alta velocità e di un ammodernamento delle forze armate. Non è tutto: Berlino studia ogni vendita possibile, dalla cessione di immobili e terreni pubblici al lancio sul mercato di azioni di Deutsche Telekom e delle Poste.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Duro attacco della moglie del Cancelliere alla sfidante della Cdu: in palio il decisivo elettorato femminile
Germania, Doris contro Angela
La Schroeder: "Donne non votate la Merkel, non è madre"
di Andrea Tarquini su La Repubblica del 01/09/2005
Grave tensione tra Europa e ayatollah. "Abbiamo diritto all'energia atomica". Schroeder: "L'Occidente unito contro la bomba"
"Nucleare, sanzioni contro l'Iran"
Avvertimento dell'Ue, ma Teheran va avanti: "Apriremo le centrali"
di Alberto Mattone su La Repubblica del 03/08/2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0