Da Punto Informatico del 10/02/2004
Originale su http://punto-informatico.it/p.asp?i=46891

Cina, quando spammare è necessario

Quanto sta avvenendo in Cina segnala come lo spam possa rivelarsi un grimaldello contro i totalitarismi e le oligarchie. Ecco perché, per una volta, c'è da augurarsi il trionfo dello spam

di Alberigo Massucci

Roma - C'è un piccolo grosso problema che le autorità cinesi stanno cercando di risolvere perché rischia di deflagrare e superare i tanti e rigidi sistemi di controllo: lo spam.

La posta indesiderata che non piace al regime di Pechino non è tanto quella commerciale, che abbonda anche da quelle parti proprio come da noi, quanto invece quella politica. Leggendo tra le righe di una notizia data dall'agenzia di stampa cinese Xinhua, infatti, un numero sempre più elevato di email dal contenuto anti-governativo e democratico ha iniziato a circolare incontrollato sulla rete, raggiungendo le caselle di migliaia, forse milioni, di cinesi.

Le statistiche ufficiali fornite da Xinhua sostengono che ogni giorno nel corso del 2003 sono stati sparati nelle mailbox cinesi quasi 70 milioni di email spammatorie i cui contenuti vengono descritti come "pornografici", "virus", "commerciali" e, attenzione perché questo è il punto chiave, "reazionari".

In un paese che ha fatto del controllo della rete la sua filosofia fin dal primo apparire di Internet, che ha deciso di consentire ai propri cittadini di accedere ad un network filtrato e monitorato dalle autorità con piattaforme di controllo dedicate, email spammatorie dal contenuto politico rappresentano, evidentemente, un elemento di destabilizzazione.

È probabile che un certo numero di dissidenti, anche dall'estero, veda nello spam un'arma di propaganda anti-regime di grande potenza. Fin qui, come noto, chiunque sia stato colto nel pubblicare online proprie critiche al governo pechinese è stato arrestato e sono ancora molti coloro che a causa di una presa di posizione su web sono dietro le sbarre. È evidente che, in una situazione del genere, sfruttare avanzate tecniche spammatorie capaci di rendere pressoché anonimi i mittenti possa diventare una missione sacra per i sostenitori della democrazia e delle libertà individuali.

La grande muraglia che il governo cinese intende erigere contro lo spam, stando ancora alla Xinhua, sarà costituita dai mattoni che riusciranno a mettere insieme i principali ministeri pechinesi, da quello della pubblica sicurezza a quello dell'informazione passando per quello dell'educazione. Come sempre, anche in questo caso le autorità di Pechino intendono agire con velocità e fermezza e hanno dunque ordinato ai gestori dei server email che veicolano la posta elettronica sulla rete cinese di prendere severe misure antispam entro la fine di giugno. Per quella data le autorità vogliono che il 90 per cento dei server possa essere considerato "antispam".

La stretta contro le email non richieste, iniziata lo scorso settembre con la messa al bando di quelle provenienti da una quantità di server all'estero, sarà senz'altro più efficace che in altri paesi vista la diretta responsabilità dei provider cinesi per la circolazione sui propri network di contenuti illegali. Qualcuno ricorderà anche come nel marzo dell'anno scorso i gestori dei provider furono addirittura costretti ad un giuramento per esprimere il proprio impegno nel combattere le illegalità.

È amaro constatare che l'unica occasione in cui lo spam rischia davvero di essere battuto è proprio quando potrebbe assumere la valenza di un atto di coraggio anziché di viltà.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Cambiano le abitudini sessuali
Cina, a letto ritorna la libertà
di Francesco Sisci su La Stampa del 12/11/2004
In America il costo del denaro sale al 2%, come in Europa
Greenspan alza i tassi. Ma l’euro corre ancora
Nuovo massimo sopra 1,30. Almunia: siamo preoccupati
di Ennio Caretto su Corriere della Sera del 11/11/2004

News in archivio

Spamming: quelle piccole isole dove nasce
I laboratori McAfee tracciano la nuova tendenza degli spammer del pianeta
su ITNews del 02/11/2006
Internet: ...ma perché si spamma?
Dalla fine di luglio triplicate le email indesiderate in Italia
su ITNews del 27/09/2006
Internet: gli spammer perdono il pelo?
Accusano segni di stanchezza. Ma per i romanticoni non è ancora tempo di gioire
su ITNews del 12/08/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0