Da Corriere della Sera del 30/07/2003

Energia dall’acqua, la grande scommessa

di Giovanni Caprara

Che il futuro energetico del pianeta sia nascosto prima di tutto nell’impiego dell’idrogeno, pochi ormai lo contestano. Una volta padroneggiata la tecnologia avremo automobili, frigoriferi, computer portatili o cellulari funzionanti con la nuova risorsa che non ha limiti di esaurimento come il petrolio. In teoria, da ogni goccia d’acqua potremmo ricavare energia. Arrivare all’ambito risultato è tuttavia una grande sfida perché anche se le conoscenze scientifiche di base esistono è necessario sviluppare una serie di tecnologie pratiche, sicure ed economiche oggi inesistenti. Tutto ciò è noto, ma finora i governi hanno fatto finta di niente. La logica del petrolio (o dei petrolieri) ha avuto il sopravvento. E forse non si è colto con la necessaria attenzione il fatto che a raccogliere la grande sfida sono stati per primi gli Stati Uniti. Nel gennaio scorso il presidente americano Bush ha annunciato una sorta di Progetto Manhattan per l’idrogeno «perché un bambino nato oggi - ha detto il presidente - possa salire su un’auto a idrogeno quando prenderà la patente». E alle parole sono seguiti i fatti; cioè l’investimento 1,7 miliardi di dollari in ricerche finalizzate allo sviluppo di un veicolo pulito.

Per sfruttare l’idrogeno è necessario realizzare delle celle a combustibile già impiegate da circa quarant’anni in diversi settori. Si tratta dunque di far evolvere una tecnologia esistente. L’Unione Europa, consapevole della sfida americana, ha approvato in giugno un piano che si proietta sino al 2030 immaginando, in una prima fase, il ricorso all’idrogeno prelevato da combustibili fossili. Ma purtroppo il sostegno economico garantito alla ricerca è ben inferiore a quello statunitense (da 300 a 600 milioni di euro) al quale le industrie europee possono attingere se intenzionate a lavorare nel campo. Inoltre l’Unione ha stipulato un accordo con gli Usa per studiare insieme alcune tecnologie specifiche.

Ma al di là di questo progetto quadro, nel Vecchio Continente si procede in ordine sparso, con scarso entusiasmo e poche risorse. L’auto pulita, lo sfruttamento dell’idrogeno e il conseguente rispetto degli accordi ambientali di Kyoto sono raggiungibili. Non con le parole, però, ma con veri investimenti.

Altri articoli in archivio


Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

L'auto non ha batterie per l'accumulo dell'energia elettrica, perché il nuovo Fuel Cell System è in grado di erogare tutta la potenza che serve
Fiat Panda a idrogeno il futuro è più vicino
su La Repubblica del 13/02/2006

News in archivio

Trasporti: a Parigi va in scena l'auto pulita
Auto pulite tra il mito dell'idrogeno e la realtà dell'ibrido
su Il Sole 24 Ore del 04/10/2006
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2019
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0