Da La Repubblica del 23/07/2003
Originale su http://www.repubblica.it/2003/g/sezioni/politica/processi/bocca/bocca.html

La campagna senza fine

di Giorgio Bocca

LA PROCURA di Brescia che ha giurisdizione sui magistrati di Milano ha aperto una inchiesta sui procuratori Boccassini e Colombo che sostengono l'accusa al processo Previti. Gli esperti in procedura avvertono che si tratta di un atto dovuto perché da una associazione, vicina pare al senatore Previti, era stata presentata una denuncia per abuso di potere. Sarà certo così ma a forza d'atti dovuti la magistratura che ha tentato di riproporre la "legge eguale per tutti" sarà messa con le spalle al muro.

"L'atto dovuto" contro la Boccassini e Colombo non porterà a una loro condanna, ma ha già aperto la strada a una campagna di riabilitazione delle "vittime" di Mani pulite. Con gli atti dovuti cominciò la controffensiva dell'establishment contro i giudici di Milano, fu un atto dovuto che mise sotto inchiesta Di Pietro sottoposto a interrogatori giorno e notte come un delinquente abituale. L'inchiesta sui procuratori milanesi potrà finire nel nulla ma nel gergo pugilistico si dice che l'avversario va "lavorato al corpo" giorno dopo giorno perché il potere autoritario, come ricorda Norberto Bobbio ha la facoltà di ripetersi senza tregua potendo disporre di uomini e di mezzi all'infinito.

I fatti stanno confermandolo: il potere giudiziario viene messo sotto accusa ogni giorno, il capo del governo ne parla come di una compagnia di delinquenti o di sovversivi, anche di fronte a un consesso europeo, i suoi portavoce hanno già colto la notizia per gridare che è giunta l'ora di far pagare ai giudici faziosi le loro colpe. E già il "martire" Previti dice di vedere finalmente nel tunnel della sua vicenda giudiziaria un barlume di speranza.

C'è una tendenza della opposizione in genere e della sinistra riformista in particolare a non dare pretesti alla maggioranza a non esporsi alla accusa di estremismo. Ma l'esperienza delle scalate autoritarie insegna che né l'eccessiva cautela né i tatticismi sono serviti a disarmarle, esse procedono inesorabilmente. Tanto più adesso che Berlusconi si è messo sotto il mantello dell'"imperatore Bush" e ne sottoscrive ogni parola, come un destino vincente e inevitabile.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Milano, contro Berlusconi il pm ha giocato le sue carte sull'accusa di corruzione del giudice Squillante più che sulla Sme
Scarna, cinica, senza emozioni la Boccassini spiazza la difesa
Nella requisitoria si fa tesoro delle correzioni dei giudizi precedenti per i coimputati Previti, Pacifico e Verde
di Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica del 13/11/2004

News in archivio

Il grado d'Appello sulla vicenda dei processi 'aggiustati' conferma le pene per l'avvocato di Forza Italia e Attilio Pacifico
Sme, Previti condannato a 5 anni. "Sentenza come colpo di pistola"
La dura reazione dell'imputato: "E' un'esecuzione pianificata Vado avanti per dimostrare che il sistema giudiziario è morto"
su La Repubblica del 02/12/2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0