Da La Repubblica del 30/05/2003

Dopo l'accordo di pace con i palestinesi oltre cento "villaggi" illegali dovranno essere sgombrati

I coloni sfidano la "road map" nuovi insediamenti a Hebron

di Pietro Veronese

GERUSALEMME — Negli alloggi prefabbricati di Havvat Maon, poco più di container appoggiati alla cima di una collina, presso Hebron, è tornato ieri un piccolo gruppo di coloni israeliani decisi a fare di tutto per restare. Nemmeno tre mesi fa la località era stata fatta sgomberare dai militari; adesso il problema ricomincia. Il ritorno dei coloni di Havvat Maon non poteva avvenire in un momento più molesto per il primo ministro riel Sharon: lo stesso giorno in cui si preparava all’incontro con il premier palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen).
I coloni di Havvat Maon sono quattro gatti ma la loro iniziativa giova a ricordare all’opinione pubblica israeliana e internazionale quale sarà la più spinosa questione interna che il governo di Sharon dovrà risolvere, se vuol progredire sulla via della pace. Per i palestinesi la questione numero uno è il terrorismo; per Israele sono gli insediamenti. Nell’ultimo trentennio sono stati costruiti e popolati decine e decine di abitati israeliani all’interno dei territori palestinesi; ma il problema acuto sono quelli illegali, che sorgono per iniziativa autonoma di gruppi di persone ispirate da convinzioni estremiste – solitamente alcune famiglie – senza alcuna autorizzazione. Il piano di pace (la «road map») prevede che questi insediamenti illegali vengano eliminati. Il fatto è che sono più di cento. E, da ieri mattina, uno in più. Il movimento dei coloni si oppone al nuovo processo di pace e ha deciso di convocare una grande manifestazione la prossima settimana a Gerusalemme.

Secondo gli ultimi sondaggi la maggioranza degli israeliani è con Sharon. il 56 per cento degli intervistati dal quotidiano Yediot Aharonot è favorevole alla «road map», anche se una maggioranza ancor più consistente si dice convinta che si tratti di un’imposizione americana e pensa che il processo di pace non eliminerà il terrorismo. Nella minoranza, comunque, ci sono anche i coloni e il problema per il primo ministro è che si tratta di oppositori poco numerosi ma molto rumorosi e bellicosi.
Nei due anni in cui ha governato Israele, Ariel Sharon è stato un promotore della politica degli insediamenti. Numerosi partiti estremisti ai quali fanno capo i coloni facevano e fanno parte delle coalizioni. Secondo il movimento pacifista Peace Now sono 34 i villaggi israeliani edificati nei territori palestinesi da quando Sharon è primo ministro (non quelli spontanei e illegali, ma abitati in piena regola). La popolazione totale dei coloni è di oltre 210 mila persone. Ma da quando si è incominciato a parlare della «road map» gli Stati Uniti hanno ripreso a premere per una moratoria degli insediamenti. Bush lo ha chiesto esplicitamente in un discorso pronunciato il 4 aprile. In passato analoghi appelli erano stati totalmente ignorati da Sharon, ma adesso la pressione americana è troppo forte.

Di tutte le presenze di coloni israeliani nei territori palestinesi quella di Hebron è probabilmente la più esplosiva. Si tratta infatti di una piccola comunità, seguace di un rabbino ultra-estremista, completamente isolata e circondata dalla popolazione araba. La tensione è sempre altissima.

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

I detenuti si impegnano «a evitare atti ostili contro lo Stato ebraico»
Israele libera 330 palestinesi Il premier Abbas: «Non basta»
Fermati e rilasciati pacifisti italiani in visita ad Arafat
di Renzo Cianfanelli su Corriere della Sera del 07/08/2003
Assassinato un comandante militare di Hamas. morti altri cinque palestinesi
«Così Israele sabota la pace»
Il Quartetto critica il nuovo «omicidio mirato»
di Aldo Baquis su La Stampa del 23/06/2003
Il premier ha detto in Parlamento che intende sradicare il gruppo islamico, «compresi gli esponenti politici come lo sceicco Yassin»
Sharon e Hamas si dichiarano la guerra totale
Gli integralisti avvertono gli stranieri: andatevene, Israele brucerà
di Aldo Baquis su La Stampa del 13/06/2003

In biblioteca

di Ferdinando Imposimato
Koinè Nuove Edizioni, 2006
di Kashua Sayed
Guanda, 2005
di Kashua Sayed
Guanda, 2003
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0