Da Corriere della Sera del 26/05/2003

Andreotti e il caso Sme «Craxi poteva dire di no Non servivano cordate»

Il senatore a vita: sospendere i giudizi? Se la votazione è pacifica, altrimenti meglio non farlo

di Dario Di Vico

BAGNAIA (Siena) - Arrivato nella campagna senese per parlare di giornali e scuola con i giovani partecipanti al meeting «Crescere tra le righe», il senatore a vita Giulio Andreotti ha concesso ai cronisti una sua ricostruzione della vicenda Sme. «Se Craxi riteneva che quello con De Benedetti fosse un contratto sbagliato, visto che il governo doveva approvarlo, bastava non approvarlo. Non c’era quindi bisogno di promuovere da parte sua una cordata». Andreotti ha ricordato come al tempo fosse ministro degli Esteri e quindi «per fortuna» non si fosse occupato della vicenda. «In quel momento, comunque, c’era una grande pressione dell’opinione pubblica che non capiva perché lo Stato dovesse continuare a produrre i panettoni. E probabilmente Prodi avrebbe voluto dare l’esempio». Privatizzando la Sme. Ma «ci sono state altre iniziative concordate con grossi personaggi dell’industria alimentare». E Andreotti ancora oggi non capisce perché Bettino Craxi, anziché limitarsi a bocciare il contratto Iri-De Benedetti, avesse brigato per far entrare in lizza Silvio Berlusconi e Pietro Barilla. A proposito del Lodo Maccanico, il senatore ha dichiarato che se deve essere approvato «per non rendere complicata la presidenza italiana del semestre europeo», allora occorre affrettare i tempi. Però lo si può fare solo se si va incontro «a una pacifica votazione, altrimenti è meglio non farlo». Andreotti reputa giusto che durante la presidenza l’inquilino di palazzo Chigi «sia esente da iniziative giudiziarie», per evitare che qualunque procuratore possa creare una situazione di crisi.
Rispondendo alle domande del pubblico presente a Bagnaia al convegno organizzato dall’Osservatorio giovani-editori, Andreotti ha sottolineato come «i toni da gladiatori con cui oggi si affrontano molte questioni della vita politica dovrebbero essere stemperati». Non si può andare avanti per molto con la linea del «muro contro muro». Nella Prima Repubblica ci sono stati «momenti dai toni aspri, con scontri anche in Parlamento», come nel caso dell’adesione dell’Italia al Patto Atlantico. «Ci fu una lotta durissima, ma che è stata sempre superata senza intaccare il sistema». Andreotti rimane convinto che si debba tornare al proporzionale, un sistema che può tenere in miglior conto «le diversità politiche ed economiche dell’Italia».
Dissentendo da Giuliano Amato, che aveva criticato la politica trattata in tv con il metodo «Porta a porta», Andreotti ha detto che la trasmissione di Bruno Vespa «un ruolo ce l’ha», così come sono «di notevole interesse alcuni dibattiti che vanno in onda su La 7». E dico questo, ha aggiunto il senatore, «anche se Giuliano Ferrara dopo avermi coperto di tanti elogi mi ha messo temporaneamente in punizione, forse per le mie posizioni sulla guerra in Iraq». Da Roma Ferrara ha risposto dichiarando che «per il senatore Andreotti provo stima e simpatia e non mi permetterei di metterlo in punizione. Mi limito a non festeggiarlo quando si lascia sventolare come una bandiera dai suoi tentati aguzzini».

Sullo stesso argomento

Articoli in archivio

Cirielli, l’ex padre della legge, annuncia un emendamento che la rallenterebbe
Castelli sfida la Cassazione sui dati della salva-Previti
«Cifre parziali». Ma le toghe insistono
di Giovanni Bianconi su Corriere della Sera del 11/10/2005

News in archivio

Il grado d'Appello sulla vicenda dei processi 'aggiustati' conferma le pene per l'avvocato di Forza Italia e Attilio Pacifico
Sme, Previti condannato a 5 anni. "Sentenza come colpo di pistola"
La dura reazione dell'imputato: "E' un'esecuzione pianificata Vado avanti per dimostrare che il sistema giudiziario è morto"
su La Repubblica del 02/12/2005
 
Cos'� ArchivioStampa?
Una finestra sul mondo della cultura, della politica, dell'economia e della scienza. Ogni giorno, una selezione di articoli comparsi sulla stampa italiana e internazionale. [Leggi]
Rassegna personale
Attualmente non hai selezionato directory degli articoli da incrociare.
Sponsor
Contenuti
Notizie dal mondo
Notizie dal mondo
Community
• Forum
Elenco degli utenti

Sono nuovo... registratemi!
Ho dimenticato la password
• Sono già registrato:
User ID

Password
Network
Newsletter

iscriviti cancella
Suggerisci questo sito

Attenzione
I documenti raccolti in questo sito non rappresentano il parere degli autori che si sono limitatati a raccoglierli come strumento di studio e analisi.
Comune di Roma

Questo progetto imprenditoriale ha ottenuto il sostegno del Comune di Roma nell'ambito delle azioni di sviluppo e recupero delle periferie

by Mondo a Colori Media Network s.r.l. 2006-2021
Valid XHTML 1.0, CSS 2.0